• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Flowers of wisdom
Flowers of wisdom

If there are obstacles, not 'the infinite

If you can count, not the stars

If you tremble or shake, and not 'a mountain

If increases or decreases, is not 'an ocean

If it passes over the bridges, not 'a river

If you can 'grasp, and not' the rainbow

Here are the parables of the six external perceptions

Milarepa



La Coscienza dell'Amore

E-mail Print PDF

...Poiché nell'esistenza non esiste nulla di statico, tutto è in perpetuo cambiamento, in mutazione, adattandosi e crescendo mediante l'esperienza del contatto con ogni cosa. La manifestazione è una progressione di relazioni complessa e in costante ampliamento - ogni contatto stabilito comportando un'espansione di coscienza, non soltanto per le unità coinvolte, ma per tutto l'insieme collettivo. Al tempo stesso è un'espansione dell'amore e dell'inclusività, una capacità di abbracciare coscientemente una parte maggiore del tutto - un potere crescente di collegare le cose fra di loro in un vasto campo intrecciato di relazioni fintanto che la sottostante sintesi della creazione non si esprima come unità cosciente.

Questo è il vero significato dell' Amore, la capacità di collegare gli aspetti maggiori della creazione armoniosamente e nella bellezza. Nel corso delle età i concetti di Bellezza e Amore sono stati sfalsati e distorti divenendo meno evidenti. L'etimologia può tuttavia aiutarci e chiarirli rivelando la loro vera natura. Risalendo al passato, la parola bellezza è un diminutivo del termine 'bonus' nel vecchio latino, che significa buono; se una cosa deve essere veramente bella, deve anche essere 'buona' in senso spirituale. Il termine inglese 'good' stesso, pur avendo naturalmente un rapporto con la parola 'God' (Dio), ha le sue radici nella Germania preistorica con la parola 'gath' che significa 'riunire', alla radice del termine inglese 'gather' e 'together' (riunire e insieme). Pitagora chiamava il Creatore, la sorgente di tutto, il 'Buono'. E tale titolo è perfettamente appropriato nella misura in cui nello schema evolutivo Dio rimette tutto insieme in Sé, quindi lo 'riunisce'. Perciò, una definizione molto semplice ma non meno efficace di questo processo evolutivo potrebbe essere: la progressione del bene.

In questa prospettiva l'universo è composto di gradi successivi di bene, la materia trovandosi sul gradino più basso della scala, lo spirito su quello più alto, e la bellezza essendo lo stadio evolvente dell'armonia fra di essi- la sfera di risonanza alla quale ci si riferisce spesso come all'anima. L'anima di ogni cosa è dunque bella per definizione: è la bellezza stessa, il punto di tensione fra unità e diversità, l'interfaccia fra il manifesto e l'immanifesto, fra spirito e materia. Mentre ciò che è inferiore nello schema evolutivo si avvicina a ciò che è superiore, la risonanza, e quindi la bellezza, cresce costantemente fino a che il principio mediano scompare, avendo servito il suo scopo" e i due livelli si fondono in uno solo. Al livello fondamentale la bellezza appare quando la coscienza insita nella forma ha integrato le parti costituenti in una risonanza unificata. Questa armonia di movimento crea un vortice mediante il quale la bellezza entra come un flusso di luce, portando la vita di ciò che è maggiore in ciò che è minore, ed elevandolo verso di sé...

Laurence Newely

 

IL Sostizio d' Inverno e il Natale - 21 Dicembre

E-mail Print PDF
IL Sostizio d' Inverno e il Natale
Il Sostizio d'Inverno e' l'inizio, l'avvio del ciclo, dal punto di vista esoterico.
E' percio' il momento adatto per piantare nella nostra mente e nel
nostro cuore il seme, formulare il progetto e stabilire il proposito
che determinera' la qualita' del prossimo anno.
...
Per piantare un " seme ", cioe' una forma-pensiero,
occorre conoscere la qualita', il colore e l'umidita' della terra,
proteggerlo dagli insetti o pensieri critici e negativi, curarlo
e annaffiarlo di luce continuamente, fino al suo germogliare.
Ci sono piccoli segreti che garantiscono sempre il risultato.
Due di questi sono:
1) Dopo aver formulato in maniera chiara il progetto,
bisogna inviarlo non attraverso il desiderio di vederlo realizzato ma,
tramite l'amore, come offerta al gruppo o bene comune.

2) Dopo averlo inviato bisogna operare il " distacco " da esso,
cioe' non ripensarlo continuamente ma lasciare che esso
arrivi al bersaglio come una freccia in volo.

" Pensare - Inviare - Staccare il pensiero."
Le Porte di Luce
See More
 

I Love Tibet

E-mail Print PDF
 

Tibetan Poetry

E-mail Print PDF

foto

 

Rumi poesia

E-mail Print PDF

Nel regno del Non-visibile
esiste un legno di sandalo
che brucia.
Questo amore è il fumo
di quell’incenso.           Rumi

 


Page 192 of 216


We have 28 guests online