• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Nature
Nature

Pictures of a female elephant and a crocodile engaging in a ferocious “tug of war” in Zambias South Luangwa National Park

E-mail Print PDF

Pictures of a female elephant and a crocodile engaging in a ferocious “tug of war” in Zambias South Luangwa National Park
< http://www.bbc.co.uk/go/em/fr/-/news/world-africa-11795932 >


 

** How to breathalyse a whale **

E-mail Print PDF


** How to breathalyse a whale **
Scientists use a helicopter to sample a sperm whale's breath.
< http://news.bbc.co.uk/go/em/fr/-/2/hi/science/nature/7709424.stm >

 

** Furry victims of the recession **

E-mail Print PDF


** Furry victims of the recession **
Animal rights groups are drawing attention to the plight of pets during the recession on International Homeless Animals Day.
< http://www.bbc.co.uk/go/em/fr/-/news/world-us-canada-11044760 >

 

Success: Catalonia, Spain Bans Bullfighting!

E-mail Print PDF

Care2, August 2010

Care2
causes and news healthy and green living take action community ecards
Success: Catalonia, Spain Bans Bullfighting!

Success: Catalonia, Spain Bans Bullfighting!

Last month, Parliament passed a ban on bullfighting, making Catalonia the first major region of Spain to outlaw the old Spanish tradition. The ban will take effect January 01, 2012. More than 35,000 of you added your name to the petition on Care2, sponsored by the World Society for the Protection of Animals (WSPA). Say Congratulations

 

Isole Faer Oer: massacro di massa di cetacei

E-mail Print PDF

Isole Fær Øer: un’operazione segreta di Sea Shepherd svela un massacro di massa di cetacei

Il 19 giugno 2010, un branco di 263 delfini globicefali è stato sterminato

news_100720_1_2_Faeroes_Mass_Slaughter_1520_650senza pietà presso la città di Klaksvik nelle Isole Fær Øer, territorio danese. Sea Shepherd ha potuto documentare il massacro grazie agli sforzi di un agente che operava in segretezza e che soggiornava da qualche tempo tra gli abitanti del luogo al fine di poter riprendere la “grind”. La grind è un metodo crudele di caccia alla balena che prevede che i cetacei siano spinti all’interno di baie prima che il loro midollo spinale venga tagliato con dei coltelli.

news_100720_1_1_Faeroes_Mass_Slaughter_Fredrik1Peter Hammarstedt, l’agente di Sea Shepherd che operava in segretezza e che è altresì il primo ufficiale della nave di Sea Shepherd Bob Barker, soggiornava in incognito tra i feroci isolani quando ha sentito alla radio la notizia di una grind in corso presso Klaksvik. Si è recato immediatamente sul posto, in auto. Trovandosi in netta inferiorità numerica e nell’impossibilità di fermare fisicamente la grind, Hammarstedt, al proprio arrivo, ha documentato il bagno di sangue.

“Si sa che i delfini globicefali viaggiano in branchi composti da un numero di membri che va dai 200 ai 300. Duecentotrentasei delfini globicefali sono stati massacrati ieri sera a Klaskvik: maschi, femmine incinte e che allattavano, esemplari non maturi e cuccioli non ancora nati, ancora tutt’uno con le loro madri grazie al cordone ombelicale. Un intero branco che un tempo nuotava liberamente nell’Atlantico settentrionale è stato sterminato in un unico bagno di sangue” ha dichiarato Hammarstedt.

Il governo delle Fær Øer afferma che la morte di questi cetacei è rapida e indolore, ma le macabre riprese, da poco rese pubbliche, mostrano il contrario.

news_100720_1_4_Faeroes_Mass_Slaughter_1555“Uno dei delfini, una femmina, ha ricevuto cinque o sei brutali colpi di taglio alla testa” ha riferito Hammarstedt “Gli isolani l’hanno praticamente usata come tagliere. La sua morte deve essere stata lenta e tremendamente dolorosa. Alcuni delfini vengono colpiti di taglio ripetutamente, per un tempo che va fino a quattro minuti, prima che finalmente muoiano”

Era altrettanto ovvio che la grind è indiscriminata e spietata.

“I cuccioli sono stati estratti dai corpi delle loro madri morte e sono stati lasciati a marcire sui moli” ha affermato Hammarstedt, che ha fotografato diversi cuccioli e feti morti “I gruppi di delfini globicefali hanno una struttura fortemente matriarcale, non riesco ad immaginare la paura ed il panico che queste madri devono aver provato mentre la loro famiglia veniva sterminata davanti a loro”.

La grind dei delfini globicefali che avviene alle Fær Øer è simile all’annuale massacro dei delfini che ha luogo a Taiji, in Giappone e che è stato documentato nel film
The Cove, insignito di riconoscimenti. La differenza principale sta nel fatto che alle Fær Øer ci sono almeno diciotto diverse baie dove una grind potrebbe potenzialmente avvenire, invece dell’unica baia di Taiji, il che rende molto più difficile prevedere dove avranno luogo le uccisioni o giungere in tempo per intervenire e prevenire gli assassinî.

news_100720_1_3_Faeroes_Mass_Slaughter_1533news_100720_1_5_Faeroes_Mass_Slaughter_1558

foto in alto: cuccioli di delfino globicefalo estratti dal corpo delle madri e lasciati a marcire

I delfini globicefali sono classificati come “strettamente protetti” in base alla Convenzione sulla Conservazione della Vita Selvatica e dell'Ambiente Naturale in Europa. Permettendo che il massacro continui nelle Fær Øer, la Danimarca non sta rispettando i propri obblighi quale nazione firmataria della convenzione.

news_100720_1_7_Faeroes_Mass_Slaughter_1559Al fine di poter essere presente alla grind, Hammarstedt si è fatto passare per uno studente svedese di cinematografia. Anche se erano state prese misure notevoli per nascondere la sua identità, alla fine è stato riconosciuto da diversi cacciatori a causa della sua partecipazione alla serie TV di Animal Planet, Attacco alle baleniere. Pare che perfino gli abitanti delle Fær Øer hanno sentito parlare dell’intervento di Sea Shepherd contro la caccia alla balena condotta illegalmente in Antartide.
news_100720_1_6_Faeroes_Mass_Slaughter_1562
Quando gli uccisori di balene hanno iniziato a seguire Hammarstedt a piedi, tenendosi a distanza, egli ha rapidamente raggiunto la sua auto, per mezzo della quale si è allontanato dal luogo, e ha caricato le immagini e le riprese su Internet per farle uscire dal Paese in sicurezza. Dal momento che la sua copertura era compromessa, ha iniziato a ricevere minacce nel giro di un’ora e il Quartier Generale di Sea Shepherd gli ha ordinato di lasciare il Paese immediatamente.

Nonostante verifiche più approfondite del normale e un interrogatorio di polizia all’aeroporto, Hammarstedt ha confermato di aver lasciato le Isole Fær Øer.

Dal 1985 Sea Shepherd si oppone attivamente alla grind che ha luogo alle Fær Øer e agisce concretamente a riguardo, e rimane uno dei più efficaci peroratori per le balene.

 Traduzione effettuata da Barbara Abatti
Testo originale consultabile presso:
http://www.seashepherd.org/news-and-media/news-100720-1.html
 


Page 9 of 21


We have 15 guests online